closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Crollo in borsa del Bitcoin. Non solo per la scelta cinese

Nuove tecnologie. Gli analisti più autorevoli spiegano anche che in realtà era già in corso una massiccia vendita di criptovalute ma è fuor di dubbio che il discusso boss di Tesla e Space X ci abbia messo un bel carico

Un bancomat di criptovalute a Hong Kong

Un bancomat di criptovalute a Hong Kong

Una notizia dopo l’altra, con la seconda forse destinata a pesare più della prima. Si inizia con quel che è avvenuto l’altra notte: il crollo del valore della cryptomoneta più nota, il Bitcoin. Il suo valore, per tutta la giornata, l’ha portato a sfiorare il cambio a 30 mila dollari (anche se mentre scriviamo le quotazioni sono in leggera ripresa). Solo due mesi fa, per capire, per un Bitcoin si dovevano versare 64 mila e 829 dollari. La seconda notizia (che accompagna e che, fatta filtrare da qualche giorno probabilmente è stata una concausa della prima) è la decisione di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi