closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Cresce l’indignazione contro il “camaleonte” Barroso

Unione europea . La Francia chiede "solennemente" all'ex presidente della Commissione di "rinunciare" all'incarico alla Goldman Sachs. C'è conflitto di interessi e possibile violazione dell'articolo 245 dei Trattati. Barroso potrebbe perdere la pensione Ue

Continua a suscitare indignazione l’ultima pelle del “camaleonte” – il soprannome di Manuel Barroso, presidente della Commissione Ue dal 2004 al 2014, maoista in gioventù poi primo ministro di destra in Portogallo (2002-2004), organizzatore del summit delle Azzore nel marzo 2003 dove Tony Blair e lo spagnolo Aznar hanno appoggiato la guerra di Bush in Iraq. Ieri, la Francia ha chiesto “solennemente” all’ex presidente della Commissione di “rinunciare” all’incarico di chairman (presidente onorario) ottenuto presso Goldman Sachs International, che ha sede a Londra, due settimane dopo il referendum sul Brexit. Lo scopo di questo incarico è di consigliare la banca...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.