closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Covidio, la banalità della malattia

A teatro. È un gioco colto quanto amaro che tre teatranti conducono (nella sala Assoli) nel dare ascendenza letteraria alla tragedia sanitaria e quotidiana che viviamo.

È un gioco colto quanto amaro che tre teatranti conducono (nella sala Assoli) nel dare ascendenza letteraria alla tragedia sanitaria e quotidiana che viviamo. Covidio è il titolo che sincretizza il nome della pandemia con uno dei massimi poeti latini, che per la propria «libertà» artistica fu da Roma esiliato. Lino Fiorito è artista visivo che ha dato cornice e visualità al meglio della nuova scena napoletana; Luciano Saltarelli è in assoluto uno degli attori migliori di quello stesso ambito; Angelo Curti è da sempre l'anima organizzativa di Falso Movimento prima e poi di Teatri Uniti. Tutti e tre si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.