closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Costituzione modificata contro l’Ue

Nonostante abbia perso la sua battaglia contro l’Unione europea, paradossalmente ieri Viktor Orbán è stato l’unico a cantare vittoria. Un entusiasmo forzato, certo, perché il premier ungherese sa bene che il referendum contro le quote di richiedenti asilo, da lui stesso voluto, non è andato come sperava, ma i toni bassi con cui in Europa e in particolare a Bruxelles è stato accolto l’esito delle urne rende bene la consapevolezza delle cancellerie del Vecchio Continente di come la partita in corso con Budapest sia tutt’altro che archiviata. E infatti Orbán non ha perso tempo per rilanciare la sua sfida annunciando...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi