closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

«Così cerchiamo di ridurre gli sprechi nella filiera alimentare»

Intervista. Un progetto per ridurre la dispersione in tutte le fasi. Parla la coordinatrice Clara Cicatiello

5,5 milioni di euro di fondi europei, 27 partner, una durata di 4 anni e mezzo: ha preso avvio nel novembre 2020 Lowinfood, un progetto che coinvolge tutti i paesi europei nel testare una serie di innovazioni ai vari livelli della filiera alimentare allo scopo di misurare la loro capacità di ridurre gli sprechi. Clara Cicatiello, ricercatrice presso l’Università della Tuscia, è la coordinatrice del progetto. Come si svolge il progetto? Il progetto selezionerà una serie di innovazioni di tipo tecnologico, organizzativo o sociale che saranno messe in funzione nelle filiere a maggior rischio spreco, vale a dire quelle dell’ortofrutta,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi