closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

«Cose immonde», esplode la guerra della spazzatura

Il fatto della settimana. Pechino ha chiuso le frontiere ai rifiuti occidentali di Usa e Gb bloccando il commercio sommerso legato allo smaltimento e al riciclaggio degli scarti

Mentre il mondo vacilla sul precipizio di una possibile guerra dei dazi fra Cina e Usa, in sordina un conflitto globale è già esploso: quello della spazzatura. La decisione di Pechino di chiudere dal primo gennaio le frontiere all’importazione di rifiuti ha bloccato l’ingranaggio di un colossale flusso commerciale sommerso legato allo smaltimento e al riciclaggio degli scarti. In questo scenario i paesi sviluppati sono esportatori di milioni di tonnellate di materiali che ogni anno trovano la via dei porti cinesi, verso una gigantesca rete di smaltimento e recupero: carta, metalli, plastica, componenti elettronici. Lo stop cinese ha gettato nello...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.