closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Cosa racconta la pelle degli oggetti

Intervista. Dal suo lockdown, parla l'artista pakistana Humaira Abid (vive negli Stati uniti). «L’arte ha il potere di rompere i tabù, coinvolgendo le persone e inducendole a condividere le loro storie. Quando cresci in una società in cui nulla è tuo, incluso il corpo, la mente, le decisioni o lo stile di vita, hai due possibilità: accettare quel destino e vivere di conseguenza, oppure alzarti e fare qualcosa»

Humaira Abid, «The World is Beautiful and Dangerous too»

Humaira Abid, «The World is Beautiful and Dangerous too»

«Durante il lockdown, ho avuto nostalgia dei miei amici, degli incontri d’arte, di uscire senza paura e sono preoccupata per le persone che non sono in grado di guadagnare e provvedere a se stesse e alle loro famiglie, per i miei colleghi artisti che in questi tempi insoliti si trovano di fronte ulteriori sfide - afferma Humaira Abid (Rawalpindi, Pakistan 1977, dal 2008 vive e lavora negli Stati Uniti) dalla sua abitazione di Washington dove vive con il marito Adeel e la loro figlia Dua - È un momento difficile per tutti e la quarantena ha cambiato le abitudini della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi