closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Corte divisa e ristretta. Bocciato il referendum più temuto dal governo

Pessimo lavoro. La conta tra 13 giudici costituzionali condanna il quesito sull’art. 18. Via libera agli altri due. E alle manovre per far saltare anche quelli. L'ex ministra Elsa Fornero: qualche maliziosa voce sostiene che il quesito sia stato formulato in modo da portare, naturalmente, a una bocciatura

La segretaria Cgil Susanna Camusso

La segretaria Cgil Susanna Camusso

«Qualche maliziosa voce aveva sostenuto che il quesito era stato formulato in modo che portasse naturalmente a una bocciatura». Riappare l’ex ministra del lavoro Elsa Fornero nei commenti alla decisione di ieri mattina della Corte costituzionale sui referendum promossi dalla Cgil. Due quesiti ammessi - quello che vuole cancellare i voucher e quello che vuole ripristinare la responsabilità in solido tra appaltatore e appaltante - ma soprattutto un quesito bocciato, il più atteso. Non ci sarà il referendum sul cuore della riforma renziana del mercato del lavoro, il «Jobs act», e cioè su decreto legislativo che nel marzo 2015 ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.