closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

Coronavirus, gli esperti dubitano che sia stato raggiunto il picco

Per l’epidemia di coronavirus è presto per parlare di «picco raggiunto». Questo ripetono da giorni gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) di fronte ai dati che mostrano un contagio ancora sostenuto a Wuhan ma non più in crescita esponenziale e un calo nel resto della Cina (solo 56 casi ieri: erano stati 890 il 3 febbraio). In Cina, il numero di persone guarite ha per la prima volta superato quello dei nuovi casi. Banalmente significa che per il sistema sanitario in affanno il numero di malati da gestire quotidianamente per la prima volta diminuisce.

Un ulteriore calo è da attendersi nelle prossime ore: il ministero della sanità cinese ha deciso di cambiare di nuovo la classificazione dei casi nell’Hubei, stavolta in modo più restrittivo, per riallinearla a quella utilizzata nel resto della Cina: d’ora in poi i casi saranno «confermati» solo dopo il test specifico sulla presenza del virus, mentre in precedenza bastava una tac toracica che mostrava i sintomi della polmonite.

Ma al di là dei numeri, le incognite sono ancora numerose. Al di fuori della Cina si registrano focolai relativamente piccoli, ma che sempre più spesso nascono da infezioni secondarie, da persone che non hanno avuto a che fare direttamente con Wuhan. La nave Diamond Princess da sola ha registrato ben 621 casi, con i 79 di ieri. Ma in Corea del Sud i casi sono quasi raddoppiati in un giorno, da 31 a 53, e in Giappone altri 10 casi portano il totale a 84. I primi due casi sono stati registrati anche in Iran. Dunque le misure di contenimento cinese non stanno impedendo al virus di diffondersi all’estero.

Ciò che preoccupa l’Oms è che nuovi focolai scoppino in paesi poco attrezzati per rilevare e fronteggiare l’epidemia con tempestività. Secondo il direttore generale Tedros Adhanom, grazie alle forniture dell’Oms «entro la fine della settimana 40 paesi africani e 29 in America Latina saranno dotate delle infrastrutture necessarie per rilevare il coronavirus». Il caso egiziano per ora rimane isolato ma è possibile che nuovi casi vengano segnalato altrove sul continente.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna