closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Conte apre ai viaggi di Natale per vedere i parenti. I rigoristi dicono no

Emergenza Covid. Il premier con i governatori: sì ai ricongiungimenti fuori regione. Boccia e Speranza per la linea dura: rischiamo la terza ondata

Il premier Conte con il ministro della Salute Speranza

Il premier Conte con il ministro della Salute Speranza

La genesi del Dpcm di Natale si sta rivelando molto complessa. I nodi ruotano sempre attorno ai divieti che il governo deciderà di imporre. Il più difficile e impopolare di tutti è lo stop agli spostamenti tra regioni, anche se tra 20 giorni fossero tutte gialle. Anche ieri una roulette di riunioni, prima i ministri Speranza e Boccia con i presidenti di regione, poi Conte e Speranza con i capigruppo di maggioranza, poi ancora il premier con i ministri capidelegazione di Pd, M5S, Leu e Italia Viva. A tarda sera ancora una decisione non c’era. Oggi Speranza riferisce alle Camere,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi