closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Consiglio Ue contro il parlamento

Bruxelles. Van Rompuy fa da mediatore. In mezzo il balletto, molto italiano, delle nomine. Comunque vada a finire Juncker o Schulz, o magari Enrico Letta, guideranno una Commissione «di larghe intese»

Parlamento europeo

Parlamento europeo

I leader europei riuniti l’altro ieri sera a Bruxelles per il Consiglio Ue informale hanno fatto sapere di «avere recepito il forte messaggio» giunto dal voto della scorsa domenica. Che cosa significhi esattamente, non è ancora chiaro: la coltre della propaganda - ciascun Paese ha la propria - impedisce di decifrare il senso di quelle parole. Ma una cosa è certa: se la reazione all’esito elettorale consiste solo ed esclusivamente nel balletto sulle nomine che sta andando in scena, allora c’è davvero poco da stare allegri. Evidentemente, se così fosse, i capi di governo - in testa la tedesca Angela...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.