closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Libia, liberati i 18 pescatori, l’urlo di gioia di Mazara del Vallo

Pesca provvidenziale. Erano in ostaggio da più di tre mesi. Conte e Di Maio volano dal generale di Bengasi

C’è voluto un blitz del premier Conte e del ministro Di Maio a Bengasi, roccaforte del generale Haftar, per liberare dopo 108 giorni i 18 pescatori sequestrati e imprigionati in Libia, dal primo settembre. E se le famiglie dei marittimi esultano dopo tre mesi da incubo, la questione ora è tutta politica. La Lega ha già chiesto che il governo riferisca in Parlamento per capire quale sia a questo punto il ruolo dell’Italia nella crisi libica e dunque nello scacchiere internazionale. «Avevamo promesso di portarli a casa entro Natale e lo abbiamo fatto», ha detto Di Maio al termine del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi