closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Con il nuovo 18 i tre di Melfi non sarebbero reintegrati»

Jobs act. Licenziamenti disciplinari, parla l'avvocato Alberto Piccinini, legale della Cgil: il Pd sbaglia esempio, con il nuovo statuto i tre operai Fiom non sarebbero tornati al lavoro

Sostengono alcuni deputati, specie Nella minoranza del Pd che ieri ha votato sì al jobs act, che «con lo statuto dei lavoratori riformato i tre operai di Melfi sarebbero ancora reintegrati al loro posto». Il riferimento è a una famosa vicenda del 2010: tre operai della Fiom - Antonio Lamorte, Marco Pignatelli e Giovanni Barozzino, oggi senatore di Sel - furono licenziati dalla Fiat di Marchionne con l’accusa aver bloccato, durante uno sciopero interno, un carrello per il trasferimento di materiali diretto verso chi non scioperava. Una dura battaglia legale dimostrò che l’accusa era falsa. Nel settembre 2013 i tre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.