closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Come nominare forme lavorative e faglie di sfruttamento

Saggi. «Linguaggio e lavoro nel XXI secolo. Natura e storia di una relazione» di Angelo Nizza, edito da Mimesis

Equivalence by Julian Stairs

Equivalence by Julian Stairs

Costruire un modello teorico che possa descrivere il lavoro oggi significa confrontarsi con forme lavorative che mettono in discussione le categorie impiegate per leggere il lavoro taylor-fordista. Se questo si articolava secondo una netta linea di demarcazione che opponeva mente e corpo, il lavoro oggi si esplica precisamente nell’indistinzione dei due ambiti. In questo senso, pensare il lavoro contemporaneo significa innanzitutto pensare il linguaggio. È la tesi di Angelo Nizza presentata nel suo Linguaggio e lavoro nel XXI secolo. Natura e storia di una relazione (Mimesis, pp. 197, euro 12). La relazione che intercorre tra linguaggio e lavoro richiede dunque...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi