closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Come nominare forme lavorative e faglie di sfruttamento

Saggi. «Linguaggio e lavoro nel XXI secolo. Natura e storia di una relazione» di Angelo Nizza, edito da Mimesis

Equivalence by Julian Stairs

Equivalence by Julian Stairs

Costruire un modello teorico che possa descrivere il lavoro oggi significa confrontarsi con forme lavorative che mettono in discussione le categorie impiegate per leggere il lavoro taylor-fordista. Se questo si articolava secondo una netta linea di demarcazione che opponeva mente e corpo, il lavoro oggi si esplica precisamente nell’indistinzione dei due ambiti. In questo senso, pensare il lavoro contemporaneo significa innanzitutto pensare il linguaggio. È la tesi di Angelo Nizza presentata nel suo Linguaggio e lavoro nel XXI secolo. Natura e storia di una relazione (Mimesis, pp. 197, euro 12). La relazione che intercorre tra linguaggio e lavoro richiede dunque...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.