closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Colluso con soggetti stranieri: nuove accuse sul magnate di Hong Kong Jimmy Lai

Cina. L’ex colonia britannica incarcera i dissidenti, mentre acquista i vaccini cinesi. L’obiettivo è far tornare Hong Kong sotto l’ombrello della Cina, che dichiara di aver sconfitto il virus

Jimmy Lai

Jimmy Lai

Jimmy Lai, editore della testata di Hong Kong Apple Daily sotto la holding Next Digital, è nel mirino della giustizia dell’ex colonia britannica: è accusato di collusione con forze straniere, ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale. Il volto del magnate dell’editoria aveva fatto il giro del mondo lo scorso 10 agosto: sul suo viso non si scorgeva altro che rassegnazione alla vista di più di 200 di poliziotti, intenti a cercare nella redazione documenti che dessero prova di presunta collusione con le forze straniere, un reato perseguibile ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale. Era stato fermato, e poi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.