closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Colluso con soggetti stranieri: nuove accuse sul magnate di Hong Kong Jimmy Lai

Cina. L’ex colonia britannica incarcera i dissidenti, mentre acquista i vaccini cinesi. L’obiettivo è far tornare Hong Kong sotto l’ombrello della Cina, che dichiara di aver sconfitto il virus

Jimmy Lai

Jimmy Lai

Jimmy Lai, editore della testata di Hong Kong Apple Daily sotto la holding Next Digital, è nel mirino della giustizia dell’ex colonia britannica: è accusato di collusione con forze straniere, ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale. Il volto del magnate dell’editoria aveva fatto il giro del mondo lo scorso 10 agosto: sul suo viso non si scorgeva altro che rassegnazione alla vista di più di 200 di poliziotti, intenti a cercare nella redazione documenti che dessero prova di presunta collusione con le forze straniere, un reato perseguibile ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale. Era stato fermato, e poi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi