closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Coleman Hawkins, il fiato sul jazz

Nel 1948 esce «Picasso», un brano con dentro un suo assolo di tre minuti al sax, e nient'altro. Fu un evento epocale. La storia di pezzo visionario e rivoluzionario, e l’influenza di un artista che ha trasformato il sassofono in uno strumento iconico

Coleman Hawkins

Coleman Hawkins

I musicisti lo chiamavano «Hawk», falco. Oppure «Bean». Che significa fagiolo. Ma non avevano in mente ortaggi di stagione, nel giro dei «cats» del jazz; quando pronunciavano quel nome, c'era il rispetto che si deve a chi viene avvertito come una fonte di autorevolezza. SOLO BEAN Bean era l'acrostico di «the best and only», il migliore e l'unico. Come a dire: noi altri possiamo anche provarci, ma lui resta la fonte e scaturigine di buona parte del suono jazzistico di ieri, di oggi, e forse anche di un bello spicchio di quello di domani. Bean era Coleman Hawkins, l’uomo che tiro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.