closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Coca cola, bollicine sempre più amare

Lavoro. La multinazionale non vuole più puntare sull'Italia e pensa a trasferire gli investimenti in Bulgaria: ha annunciato la messa in mobilità di 300 lavoratori che ieri hanno scioperato e hanno manifestato a Milano mentre i sindacati incontravano i dirigenti dell'azienda

I lavoratori della Coca Cola in presidio davanti ad Assolombarda a Milano

I lavoratori della Coca Cola in presidio davanti ad Assolombarda a Milano

Bevi la Coca cola che ti fa lincenziare. Altro che bollicine. La multinazionale più multinazionale del mondo non vuole più puntare sull'Italia. O meglio. Vuole usare il bel paese come un bancomat. Punta a fare utili dandola a bere agli italiani ma senza farli più lavorare. E' la solita vecchia storia del capitalismo globale: vendi dove fai pagare di più e assumi dove paghi di meno, in termini di salari e di diritti dei lavoratori. Non c'è bisogno di un genio di strategia aziendale per applicare una ricetta tanto banale quanto disumana. Coca cola Italia solo pochi anni fa impiegava...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi