closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Claudia Andujar, passaggio tra gli Yanomami

La mostra. Alla Triennale di Milano, in attesa della riapertura, gli scatti della fotografa che ha documentato per cinquant'anni il popolo indigeno con grande empatia e militanza

 Catrimani, Roraima, 1972–74. Collection of the artist. © Claudia Andujar

Catrimani, Roraima, 1972–74. Collection of the artist. © Claudia Andujar

Tra le mostre dedicate a «storie brasiliane» (dopo il periodo di chiusura dovuto all'emergenza sanitaria, riapre dal 2 al 5 febbraio per poi volare a Barcellona) c’è quella che presenta Claudia Andujar: la lotta Yanomami alla Triennale di Milano (in partnership con la Fondation Cartier pour l’art contemporain, al momento chiusa a causa della emergenza sanitaria Covid, questo il sito  https://claudia-andujar.fondationcartier.com/it). La rassegna presenta una estesa retrospettiva del lavoro della fotografa Claudia Andujar dedicato agli Yanomami, popolazione indigena brasiliana di cui si è sentito parlare frequentemente negli ultimi mesi a causa delle politiche del governo contrarie alla loro tutela per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi