closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Civati lancia il ’congresso-ombra’: «Non possiamo aspettare ottobre»

INTERVISTA/DEMOCRACK. Il candidato: «Non si sa nulla, le notizie 'trapelano'. vogliamo discutere di Pd. E mentre discutiamo guardiamoci negli occhi e diciamocelo: al voto dopo la legge elettorale: un governo così non può andare avanti a lungo»

Pippo Civati, deputato dem e candidato segretario al congresso

Pippo Civati, deputato dem e candidato segretario al congresso

Un «congresso-ombra», ma detto con ironia visto i non smaglianti precedenti dei governi-ombra di Occhetto e Veltroni. Lo lancia il candidato Pippo Civati. «Lo chiamo così perché nel Pd tutto è un po’ umbratile: non si sa molto del congresso, le notizie ’trapelano’. Visto che non si discute del Pd cominciamo noi». Civati, cos'è un congresso-ombra? Tre cose. La prima: un questionario inviato agli iscritti e ai segretari di circolo per farci raccontare qual è lo stato del Pd. Sulla linea politica più o meno stiamo discutendo, sul partito no. Secondo: chiederemo di dare a tutti i militanti la possibilità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi