closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Chiuso il giornale d’opposizione: « È una vendetta di Orbán»

Ungheria. Il quotidiano "Népszabadság", che ha sempre denunciato casi di corruzione nel governo e nella Banca nazionale, è stato fatto fuori. Proteste in piazza

Opposizione in piazza con i giornalisti di

Opposizione in piazza con i giornalisti di "Népszabadság"

Chi, sabato scorso, si è messo in rete per entrare nel sito del Népszabadság, principale quotidiano ungherese di opposizione al governo Orbán, ha avuto una brutta sorpresa. Al posto del giornale si è infatti trovato davanti un comunicato in ungherese e in inglese che annunciava la scomparsa del quotidiano dalle edicole del paese fino alla definizione di una nuova strategia economica per rimettere a posto i conti. L’annuncio è stato dato da Mediaworks, società editrice del Népszabadság, filiale di un’azienda austriaca, la Vienna Capital Partners. I redattori, che sono stati letteralmente mandati a spasso dall’oggi al domani, non possono entrare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi