closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Chi parla male dei cavoli non capisce un cavolo

Sabato scorso su Rai3, durante la trasmissione Le parole, gli spettatori hanno assistito ad un gustoso scambio di opinioni sui cavoli. Gramellini, Roberto Vecchioni, Giovanna Botteri (corrispondente Rai da Parigi) e Gad Lerner hanno discettato dottamente su questi ortaggi. Evidenziandone soprattutto gli aspetti che, nel nostro immaginario, sono associati a accezioni e comportamenti negativi. Cavolata è una minestra di scarso sapore e modesto valore nutritivo, tipica delle tavole dei poveracci e di chi non ha di meglio da mangiare. E, traslando, fare una cavolata è attività da balordi, ignoranti. Non sai un cavolo, non hai capito un cavolo, sono modi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.