closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Cgil, l’8 aprile si trasferisce dalla piazza al teatro

Tutti al Brancaccio. Il sindacato guidato da Susanna Camusso ricalibra la mobilitazione dopo il decreto del governo su voucher e appalti. Aspetta la conversione in legge, e intanto si concentra sull'iter della Carta dei diritti universali del lavoro

La segretaria generale della Cgil Susanna Camusso davanti alla locandina per i 2 Sì al referendum del 28 maggio

La segretaria generale della Cgil Susanna Camusso davanti alla locandina per i 2 Sì al referendum del 28 maggio

Salta la manifestazione della Cgil prevista per sabato 8 aprile in Piazza del Popolo: alla luce del decreto approvato dal governo, che abolisce i voucher e ripristina la responsabilità solidale in materia di appalti, il sindacato guidato da Susanna Camusso ricalibra la sua mobilitazione. Nello stesso giorno, nella mattinata dell’8 aprile, spiega l’agenzia «Dire», si terrà presso il teatro Brancaccio di Roma l’attivo nazionale dei quadri e delegati sul tema "Dal decreto alla legge, la nostra #SfidaXiDiritti continua per conquistare la Carta dei diritti universali del lavoro». La proposta di legge popolare, su cui ora si concentra l’attenzione del sindacato, è incardinata in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi