closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Centomila morti dopo, l’Italia applica la legge: basta armi ai sauditi

Bombe disinnescate. Il governo alla fine accoglie la richiesta di revoca definitiva delle  esportazioni verso Riyadh e gli Emirati. 12.700 ordigni in meno da scaricare sullo Yemen.  La vittoria delle organizzazioni che per anni si sono battute per questo storico risultato. Francesco Vignarca, di Rete Italiana Pace e Disarmo: «Si può fare». E ora riconversione "pacifista" della fabbrica sarda Rwm

Gli effetti di un raid aereo della coalizione a guida saudita nella provincia di Dhamar, Yemen sud-occidentale

Gli effetti di un raid aereo della coalizione a guida saudita nella provincia di Dhamar, Yemen sud-occidentale

La gioia esplode di mattina. Lievita rapidamente dopo la pubblicazione del tweet di Rete Italiana Pace e Disarmo che per prima dà la notizia, storica: il governo italiano revoca le esportazioni di armi verso Arabia saudita ed Emirati, principali attori e aguzzini della coalizione sunnita che dal marzo 2015 bombarda lo Yemen per farlo tornare il cortile di casa propria. Centomila morti dopo, l’Italia applica la sua stessa legge, la 185 del 1990 che vieta la vendita di armi a paesi coinvolti in conflitti armati e violatori di diritti umani. NELLO SPECIFICO, a essere definitivamente revocate sono le forniture autorizzate...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi