closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Cecilia Mangini, il mondo dentro al fotogramma

Cinema. Addio alla regista, fotografa, sceneggiatrice, è stata la prima donna a realizzare documentari in Italia. Gli universi femminili, il sud e le periferie romane, la collaborazione con Pasolini, la storia del fascismo, la censura

Cecilia Mangini negli ultimi anni era una presenza costante, un riferimento intellettuale e di pensiero, qualcuno a cui rivolgersi per chiedere del mondo, del presente, della storia d'Italia, del comunismo - lei che si definiva «comunista eretica».   E per parlare di cinema, naturalmente, delle immagini che erano state - e lo erano ancora - il centro della sua vita, strumento politico e poetico in quel confronto con la realtà alla quale non si era mai arresa. Fossero film o fotografie la «sfida» era sempre lì, prioritaria e senza demagogia. FORSE è per questo che la sua opera riesce a esprimere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi