closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Caso Mered, colpo di scena «generale»

Eritrea-Sudan-Italia-Gran bretagna. Mentre si apre il processo al presunto mercante di uomini estradato dal Sudan, un’inchiesta del «Guardian» conferma il clamoroso scambio di persona ricostruito anche dal «manifesto»: il cittadino eritreo in carcere a Palermo non è "il Generale"

Il

Il "vero" Mered, camicia bianca e cucchiaio in bocca, al matrimonio del nipote

«L’uomo in carcere in Italia sta pagando al posto mio. E mi dispiace per lui». Lo scrive il famigerato trafficante di uomini Medhanie Yehdego Mered in una conversazione privata su Facebook con un amico di vecchia data. È quanto emerso da un’inchiesta esclusiva pubblicata ieri dal Guardian, nel giorno della prima udienza del processo al presunto mercante di uomini estradato lo scorso maggio dal Sudan. DA QUASI CINQUE MESI, una cella del carcere di Pagliarelli, nel capoluogo siciliano, ospita un giovane eritreo che i pm dicono essere Yehdego Mered, detto «il Generale», il più sanguinario tra i trafficanti in Libia....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.