closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Caso Al Labadi, Israele e Giordania ai ferri corti

Arresti . La giovane giordana di origine palestinese arrestata da Israele e detenuta senza processo fa lo sciopero della fame. Amman richiama l'ambasciatore a Tel Aviv

La vicenda della giovane giordana di origine palestinese, Heba al Labadi, 32 anni, condannata da un giudice militare israeliano a cinque mesi di detenzione “amministrativa”  senza processo e accuse precise, è sfociata in una crisi diplomatica tra Israele e Giordania, paesi alleati ma con crescenti difficoltà di rapporto 25 anni dopo la firma del trattato di pace. Il ministro degli esteri di Amman, Ayman Safadi, ha richiamato in patria per consultazioni l'ambasciatore in Israele in segno di protesta per l'arresto di Heba al Labadi al quale si è poco dopo aggiunto quello di un altro cittadino giordano, Abed a-Rahman Marai,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.