closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Case popolari, la Consulta boccia la legge dell’Abruzzo

No alla richiesta di documenti che attestino l’assenza di proprietà immobiliari per gli stranieri

A fermare le leggi razziste e discriminatorie, che le destre stanno promuovendo in molti enti locali, stanno fioccando sentenze da diversi tribunali italiani e anche dalla Corte costituzionale. E’ di venerdì scorso la deposizione di quella con la quale la Corte Costituzionale ha accolto il ricorso, promosso dal governo, che ha dichiarato incostituzionali due norme della legge regionale dell’Abruzzo relative all’accesso agli alloggi pubblici, affrontando due questioni che riguardano normative presenti anche in molte altre regioni e comuni. La prima si riferisce all’obbligo, posto a carico dei soli cittadini extra Ue, di presentare documenti che attestino «assenza di proprietà immobiliari...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi