closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Case popolari: escludere i migranti è discriminatorio

Monfalcone. «Prima gli italiani»: la sindaca leghista aveva tagliato fuori dal bando i cittadini bengalesi

Famiglie immigrate

Famiglie immigrate

Che la Lega, dappertutto, cerchi in tutti i modi di far fuori gli extracomunitari, anche quando regolarmente residenti, da contributi, concorsi, assegnazioni di posti negli asili nido e quant'altro, è cosa risaputa. Così come ormai fa giurisprudenza la lunga lista di sentenze che riconoscono l'illegittimità di tali atti. Bandi annullati, graduatorie sospese, un po’ dappertutto è tutto un fare e disfare. È successo anche a Monfalcone dove sono finiti sotto processo bandi e graduatorie legate all'assegnazione di alloggi popolari e all'ottenimento di contributi per l'affitto. Coinvolta Regione, Ater, e Comune.  Chiedere un supplemento di documentazione ai cittadini extracomunitari, la prova...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi