closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Cartabia parte da Bonafede. Ma lo rovescia

Giustizia. La ministra presenta il suo programma in parlamento. Giustizia riparativa, prescrizione da rivedere e carcere "extrema ratio". Ma dice no ai partiti: a occuparsi delle correzioni ai testi di legge dei giallo-rossi saranno i suoi tecnici. Guidati da Lattanzi e Luiso

Marta Cartabia

Marta Cartabia

«Sarebbe sleale delineare programmi inattuabili. Cercheremo di affrontare i problemi più urgenti» dice in premessa la ministra Marta Cartabia. E poi tiene impegnata per quattro ore la commissione giustizia della camera tra relazione, domande e replica. Perché, anche restando sull’essenziale, le urgenze della giustizia sono tali - dal processo civile a quello penale, dalle carceri al Csm, dai concorsi agli impegni nel Recovery plan - da portare il tema comunque in cima all’agenda di governo. Ma pesa anche la personalità dell’ex presidente della Corte costituzionale, che si presenta in parlamento con parole di miele per i deputati - «la mia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi