closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Carlo Cecchi tra farsa e poesia nel labirinto eduardiano

A teatro. L’attore fiorentino protagonista nel dittico composto da «Dolore sotto chiave» e «Sik Sik, l’artefice magico»

Carlo Cecchi e Angelica Ippolito

Carlo Cecchi e Angelica Ippolito

Che grande artista della scena è Carlo Cecchi. Attore e capocomico nel senso più autentico di una tradizione necessaria. E dunque che piacere è tornare a vederlo ogni volta che se ne presenti l’occasione, come ora al teatro Argentina (fino al 23 dicembre) in questo divertentissimo, tragicamente comico dittico eduardiano che da qualche anno va ripresentando sui nostri palcoscenici, se ne era già giustamente parlato su queste pagine. Distanti nel tempo, i due atti unici, Dolore sotto chiave e Sik-Sik l’artefice magico, erano stati anche una delle ultime occasioni per vedere sulla scena Eduardo, per chi allora era ragazzo, all’inizio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.