closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Carcere, la riforma nel nome di Margara

Lunedì abbiamo salutato per l’ultima volta Alessandro Margara, che ha chiuso la sua lunga vita a Firenze, nella stessa chiesa dove due anni fa gli fummo vicini in occasione del funerale della sua adorata compagna di vita, Nora Beretta. Nel dicembre scorso aprimmo un convegno sulla riforma penitenziaria del 1975 con la presentazione della raccolta di scritti di Margara intitolata «La giustizia e il senso di umanità»; una antologia di quattrocento cinquanta pagine sulle questioni del carcere, degli Opg, delle droghe e sul ruolo della Magistratura di Sorveglianza. Nella mia prefazione, significativamente intitolata Il cavaliere dell’utopia concreta, ripercorro la sua...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi