closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Caos vaccini, ma la Lombardia fa l’accordo con Confindustria

Scavalcati i sindacati. La delibera votata dalla giunta Fontana prevede la possibilità di somministrare dosi ai dipendenti in azienda. Per Cgil, Cisl e Uil è una «decisione ingiustificata fuori dai protocolli condivisi»

Letizia Moratti e Attilio Fontana

Letizia Moratti e Attilio Fontana

Nel pieno della bufera sui ritardi e i disservizi nelle vaccinazioni la Regione Lombardia si gioca il diversivo dell’annuncio ad effetto: siamo i primi a vaccinare in azienda. L’accordo è un favore a Confindustria Lombardia che ottiene di vaccinare i dipendenti delle aziende a lei associate appena sarà possibile, ed è stato sottoscritto insieme a Confapi e Anma, l’associazione nazionale medici d’azienda e competenti. Una fuga in avanti della giunta lombarda che anticipa il piano nazionale in arrivo a giorni dal commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo. SCAVALCANDO I SINDACATI, Confindustria e Regione Lombardia fanno da apripista a livello nazionale per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi