closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Cambia il governatore di Guerrero, ma i 43 studenti non si trovano

Messico. Manifestazioni e blocchi stradali dopo i tragici fatti di Iguala

In Messico, passa la voce della piazza, almeno su un punto: la partenza del governatore dello stato di Guerrero, Angel Aguirre Rivero, considerato responsabile politico della mattanza di Iguala. I fatti sono ormai emersi all’attenzione internazionale e le manifestazioni di solidarietà si ripetono da un lato all’altro del mondo. Il 26 settembre, un gruppo di studenti «normalistas», così chiamati per la provenienza dell’istituto rurale a cui appartengono, è stato brutalmente aggredito dall’azione congiunta di gruppi mafiosi e polizia. Alcuni ragazzi sono stati uccisi e 43 risultano da allora scomparsi. Da quel giorno, si ripetono le manifestazioni, le prese di posizioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi