closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Charlie Hebdo, è caccia aperta alla cellula delle Buttes-Chaumont

Inchiesta della polizia. Individuati i responsabili, secondo il ministro degli interni. Sono due fratelli, uno è stato in carcere, accusato di aver fatto parte di una filiera di reclutamento di combattenti per la jihad in Iraq. In mattinata, spari contro la polizia a Montrouge (una agente uccisa, ma non ci sarebbero legami con l'attentato a Charlie Hebdo). Houellebecq rinuncia alla promozione del libro Soumission, che parla del fantasma dell'islam e si nasconde

Corpi speciali della gendarmeria in azione

Corpi speciali della gendarmeria in azione

Una giornata di caccia all’uomo, mentre in Francia 88mila agenti di polizia sono stati dispiegati sul terreno. I due fratelli Kouachi, Saïd e Chérif, per il ministro degli interni Bernard Cazeneuve ormai “formalmente riconosciuti” come responsabili del massacro alla redazione di Charlie Hebdo, che ha fatto 12 morti (e vari feriti, di cui 4 gravissimi), sono stati individuati in Piccardia. Gli agenti dell’antiterrorismo stavano ancora ieri sera controllando casa per casa, in una zona rurale tra i dipartimenti dell’Aisne e dell’Oise, a nord di Parigi e a sud di Soisson, nei dintorni di Crépy-en-Valois. I due fratelli sono stati individuati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.