closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Bronzi di Riace, kitsch identitario e affaire sociologico

Da Donzelli un libro collettivo a cura di Maurizio Paoletti e Salvatore Settis. La fascinazione collettiva, il ruolo degli archeologi, l’identificazione magnogreca: «Sul buono e sul cattivo uso dei Bronzi di Riace», con nuove proposte attributive

Campagna pubblicitaria promossa  dalla Regione Calabria  in collaborazione  con Alitalia, 2014

Campagna pubblicitaria promossa dalla Regione Calabria in collaborazione con Alitalia, 2014

Faceva molto caldo in quelle mattine dell’agosto 1972, quando migliaia di persone cingevano d’assedio le spiagge di Riace. Persone di tutte le condizioni sociali che si assoggettavano alla calura agostana pur di assistere, anche da lontano, all’uscita dalle acque di due statue di bronzo rinvenute sul basso fondale, poco al largo della cittadina ionica calabrese. Fra la folla, alcune vecchiette nerovestite pregavano verso lo scoglio del ritrovamento, detto dei Santi Cosma e Damiano. I bronzi infatti furono quasi sùbito assunti nell’inconscio dei riacesi come i simulacri dei due santi medici in onore dei quali, due volte l’anno, si svolge un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi