closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ambientalista spagnolo torturato e ucciso

Brasile. Gonzalo Alonso Hernandez, che denunciava bracconieri e piromani, forse vittima della guerra dei boschi

«È stato un crimine ambientale». In questi termini il comandante Marco Alves, del commissariato di polizia di Rio Claro, ha parlato ieri della morte di Gonzalo Alonso Hernandez, un biologo spagnolo 49enne, che da 10 anni si trovava in Brasile per lottare contro la deforestazione e la caccia di frodo. Due cause per cui ora è stato ucciso con tre colpi di pistola alla testa e forse anche torturato. Biologo e presidente dell’Ong ecologista Instituto Terra, Alonso era arrivato a Rio de Janeiro per conto della multinazionale spagnola Telefonica, che l’aveva messo a capo di Vivo, la seconda compagnia di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi