closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Bloccati dal virus nei ghetti senza cibo e senza lavoro

Nella Piana di Gioia Tauro. La stagione è finita ma i migranti senza contratto non possono partire

La tendopoli di Rosarno

La tendopoli di Rosarno

«Sono bloccati nella Piana di Gioia Tauro, vivono in condizioni terribili e hanno paura di contrarre il Covid-19, "l’Italia ci riserva il posto degli animali"» ci dicono. Ruggero Marra è un delegato Usb di Reggio Calabria ed esponente di Potere al popolo, segue le lotte della comunità di braccianti africani della zona, che da settimane si riuniscono per cercare di organizzarsi. «NON HANNO PIÙ CIBO - spiega - perché molti non stanno lavorando, stiamo portando pacchi alimentari ma la situazione è tragica». Tra la tendopoli ufficiale di San Ferdinando e gli altri insediamenti informali sparsi nell’area, sono circa 1.200 i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi