closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Berlinguer, il leader sconfitto ma non disilluso

Tempi presenti. Trent’anni fa la morte del segretario del Pci coincide con un punto di svolta della storia repubblicana. Come d’altronde emerge dalla biografia del dirigente comunista a firma di Chiara Valentini

Enrico Berlinguer e Roberto Benigni

Enrico Berlinguer e Roberto Benigni

Il nuovo gruppo renziano avrebbe il compito di guidare il «Partito della Nazione» (copywrit di Alfredo Reichlin) verso il progresso e il benessere del nostro malconcio paese. Di fronte a questo partito finalmente maggioritario (anche se per effetto di deformanti premi di maggioranza e se di massa per il momento c’è solo l’astensionismo) è dunque lecito chiedersi se il suo padre nobile vada ricercato nel compromesso storico berlingueriano o se, viceversa, quel tentativo di governo della malcerta democrazia italiana non gli sia neppure parente perché, come diceva Enrico Berlinguer, «non c’è fantasia, invenzione o rinnovamento se si smantella quello che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi