closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Benvenuti in Italia, deserto industriale

Rapporto Cisl. Persi 900 mila posti dal 2008, e quest’anno sono a rischio altri 140 mila. «Servono investimenti». Il sindacato guidato da Raffaele Bonanni: "Non basta riformare il mercato del lavoro". Già Susanna Camusso, due giorni fa, aveva attaccato il premier Renzi

Gli operai della Ideal Standard occupano lo stabilimento di Orcenico (Pordenone): si battono contro la chiusura

Gli operai della Ideal Standard occupano lo stabilimento di Orcenico (Pordenone): si battono contro la chiusura

Gli anni della crisi hanno flagellato l’industria italiana, portando con sé licenziamenti, chiusure, cassa integrazione: non è un mistero, e i bollettini di diversi istituti lo registrano da tempo, ma ieri si è aggiunto il Rapporto Industria della Cisl. Che parla di ben 900 mila posti persi dal 2008 al 2013, e quasi 140 mila a rischio quest’anno. Il tutto, in un contesto che certo non aiuta: da un lato la cassa integrazione in deroga – che aiuta tante imprese a restare in piedi, salvando spesso il lavoro – che non è stata ancora sufficientemente rifinanziata, dall’altro un governo troppo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi