closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Bennett: Il Golan è israeliano. E raddoppia gli insediamenti coloniali

Territori occupati. Il piano annunciato dal premier israeliano non ha precedenti e si fonda sul riconoscimento fatto da Donald Trump dell'annessione unilaterale a Israele di quella porzione di territorio siriano durante la guerra del 1967

Per Wael Tairabeh, attivista druso contro l’occupazione del Golan siriano, quello che fa più male non è l’annuncio dei piani di sviluppo, senza precedenti, delle colonie israeliane fatto domenica scorsa dal premier Naftali Bennett. «Mi colpisce di più l’unanimità con cui, in seno al Consiglio dei ministri, è stata approvata la decisione», ci dice. Quando, spiega Taraibeh, in apertura della riunione di governo - tenuta nel kibbutz Mevo Hama, una delle 36 colonie israeliane costruite sulle Alture – Bennett ha proclamato «che il Golan è israeliano», tutti i ministri, di destra e centrosinistra, hanno annuito. Mancava solo Issawi Frej, palestinese...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.