closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Battaglia a Baqubah, jihadisti verso Baghdad

Iraq. Obama invia 275 marine a difesa dell’ambasciata Usa, nel Golfo Persico 5 navi da guerra e la portaerei Bush. I turkmeni chiamano Ankara

Membri dell'Isil

Membri dell'Isil

Il governo iracheno è nell’occhio del ciclone, tra l’incessante offensiva islamista e gli attacchi dei vecchi alleati, Washington e Onu. L’amministrazione Obama e il Palazzo di Vetro si alternano nei suggerimenti: «Venga formato un governo di unità nazionale con sciiti, curdi e sunniti», stessa richiesta dell’Arabia saudita a cui Baghdad risponde accusando Riyadh di aver finanziato gli islamisti in Siria. Ma scagliano anche fulminanti critiche al premier sciita Nouri al-Maliki, colpevole di aver frammentato il paese relegando in un angolo le legittime istanze sunnite. Con una discriminazione che va avanti dal 2006, quando Maliki fu messo a sedere sulla poltrona...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.