closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Basquiat, la dissipazione del black body

La mostra di Jean-Michel Basquiat al Guggenheim di New York: "Defacement: The Untold Story", a cura di Chaédria La Bouvier. La mostra è incentrata su "Defacement", "lamentatio" dell’artista sulla morte, nel 1983, di Michael Stewart, giovane writer nero martoriato dalla polizia nella metropolitana di New York. Simbolo di afflizione e oggetto di un sinistro senso di colpa, l’opera finì sopra la testata del letto di Jean-Michel Basquiat nei giorni della sua agonia

James Van Der Zee,

James Van Der Zee, "Jean-Michel Basquiat", 1982

Con in mente il numero di gennaio 1983 dell’informatissima «Interview» warholiana, Diego Cortez – fra i primi curatori a appassionarsi nel panorama newyorkese al lavoro di Jean-Michel Basquiat – fu capace di orchestrare una sensazionale trovata pubblicitaria, utile per irrobustire la fama del pittore in un passaggio delicato della sua carriera. Dietro infatti alla coloratissima copertina costruita attorno al viso angelico di Sting, pronto per le squisitezze fantascientifiche di Dune, Cortez riuscì a inserire – come illustrazione alla chiacchiera tagliente fra l’artista e l’autorevole Henry Geldzahler – lo scatto eseguito da un mito della fotografia statunitense, James Van Der Zee,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.