closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Barghouti, sciopero contro Israele per sfidare i vertici di Fatah

Israele/Territori occupati. Il 17 aprile il popolare Mandela palestinese, alla testa di circa tremila detenuti di Fatah, darà inizio a uno sciopero della fame per chiedere migliori condizioni di vita nelle carceri israeliane. Ma è anche una contestazione dei vertici del suo partito e della linea dell'Anp

Marwan Baghouti circondato da poliziotti israeliani

Marwan Baghouti circondato da poliziotti israeliani

Lo sciopero della fame dei detenuti politici di Fatah, che si appresta a lanciare Marwan Barghouti, è una protesta contro Israele e per migliorare le condizioni di vita nelle carceri. Ma ha anche un evidente obiettivo politico interno: mettere sotto pressione i vertici del partito e dell'Anp. Barghouti, noto come il "Mandela palestinese" e il dirigente di Fatah più popolare nei Territori palestinesi occupati, è stato messo in disparte nonostante sia risultato il più votato tra i membri del Comitato centrale al recente congresso del partito. E dal carcere, forte del sostegno di circa 3000 detenuti di Fatah, ora sfida...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.