closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Banche venete, nuove spine per il governo

Credit crack. A rischio la ricapitalizzazione precauzionale di Popolare di Vicenza e Veneto Banca, la Commissione Ue chiede almeno un miliardo di finanziamenti privati. Ma i conti sono in profondissimo rosso, e Atlante ha esaurito le munizioni. Oggi l'ad Viola atteso a Bruxelles.

Proteste dei risparmiatori

Proteste dei risparmiatori

Anche se hanno fatto meno rumore del Monte dei Paschi, le due banche venete che come Mps hanno chiesto la “ricapitalizzazione precauzionale” stanno diventando una corona di spine per il governo Gentiloni. Oggi l'ad Fabrizio Viola è atteso a Bruxelles, dopo che la Commissione Ue ha fatto sapere – notizia anticipata dal Sole 24 Ore – che deve essere trovato almeno un miliardo di fondi privati per accedere alla misura di salvataggio. Del resto, anche durante le recenti assemblee di Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, Alessandro De Nicola di Atlante ha detto a chiare lettere che sono necessarie...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.