closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Banca delle Marche «soap opera». L’istituto finisce in procura

Ancona. I pm indagano. E alcuni sportelli finirebbero a Vicenza. Conti sempre più in rosso e cordate di «salvatori» a rischio. Le accuse al centrosinistra

Il fascicolo, per il momento, è vuoto: non ci sono indagati, non c’è ipotesi di reato. Ma la notizia che la procura di Ancona ha aperto un’inchiesta sui conti di Banca Marche è risuonata come un colpo di cannone nei già provatissimi uffici dell’istituto marchigiano. La settimana scorsa era finita con un venerdì nero: semestrale chiuso con altri 232 milioni di perdita – da aggiungere ai 526 già accumulati – e Banca d’Italia che ha imposto due commissari; settembre è cominciato con la guardia di finanza alle porte, per «acquisire documentazione» relativa agli anni 2011 e 2012. I conti sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi