closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Baba Zula, quattro hippies a Istanbul

Note sparse. Cinque anni dopo ritorna il gruppo turco con il leader Murat Ertel

Baba Zula

Baba Zula

Prima del fenomeno Altin Gün, prima della nuova sensazione psichedelica, Gaye Su Akyol, c’erano i Baba Zula. I quattro hippies dal tenero cuore rock non si erano fatti più sentire dall’ultimo acclamato album, 34 Oto Sanayi, (Do not obey), di cinque anni fa, appassionato e politicamente impegnatissimo. Ma il leader Murat Ertel, e armeggiatore ribelle di uno strumento a corde della tradizione, chiamato saz che lui suona nella versione elettrica, ha intessuto, nel frattempo, le relazioni giuste per la pubblicazione di questo Derin Derin per l’etichetta Glitterbeat. Il nuovo album si pone come un continuum nella storia musicale dei Baba...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.