closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Autoritarismo o cambiamento, gli opposti scenari

Pandemia. Assistiamo all’azione di tanti governanti, che si affannano a riparare a valle gli effetti degli squilibri ecologici, demografici, sociali che s’intrecciano alla pandemia fino a renderla devastante, piuttosto che correggere a monte le storture che li hanno provocati.

La maggior parte dei governi e delle istituzioni internazionali continuano ad affrontare i drammatici problemi sanitari, economici e sociali ulteriormente aggravati dalla pandemia, come se fossero separabili ed indipendenti dalle contraddizioni del sistema tardo capitalista. Ovvero sull’esasperazione della logica indirizzata al profitto immediato ed unilaterale e perciò incapace di far fronte agli interessi generali della popolazione. Eppure assistiamo all’azione di tanti governanti, che si affannano a riparare a valle gli effetti degli squilibri ecologici, demografici, sociali che s’intrecciano alla pandemia fino a renderla devastante, piuttosto che correggere a monte le storture che li hanno provocati. Il problema è che per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi