closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Austerità, dodici miliardi di tagli e sei anni di blocco degli stipendi nella P.A.

I dati della Ragioneria dello Stato sulla lunga stagione dell'austerità, finanziata anche dai dipendenti statali. Dal 2007 al 2015 persi 220 mila posti. I meno pagati in assoluto sono gli insegnanti a scuola. Oggi nuovo round di incontri tra governo e sindacati sui prossimi contratti nella pubblica amministrazione

I tagli e il blocco degli stipendi per i lavoratori della pubblica amministrazione hanno causato una perdita di 12,6 miliardi di euro negli ultimi sei anni e di oltre 220mila occupati tra il 2007 e il 2015. Lo sostiene l'Annuario statistico della Ragioneria generale dello Stato. Al 2009 e al 2010 risalgono gli ultimi rinnovo contrattuali in quasi tutti i comparti. Già dal 2011, la spesa era stata tagliata a un livello inferiore rispetto ai tre anni precedenti. L’allora governo Berlusconi si mosse su un doppio binario: tagliò 8 miliardi alla scuola e 1,1 a università e ricerca e bloccò...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.