closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Attivista italiana detenuta all’aeroporto di Tel Aviv

Cisgiordania. Fermata dai soldati israeliani nella zona di Nablus, Samantha Comizzoli sta attuando uno sciopero della fame in segno di protesta e a sostegno dei minori palestinesi in carcere

Si conoscerà con ogni probabilità oggi la sorte dell'attivista e blogger italiana Samantha Comizzoli fermata venerdì e detenuta da soldati israeliani mentre come, ogni venerdì, manifestava in Cisgiordania assieme ad altre persone, alle porte del villaggio di Kufr Qaddom contro il Muro e la confisca di terre palestinesi. Questa mattina l'attivista potrebbe essere processata per direttissima e la sentenza di espulsione appare scontata. Il visto di Comizzoli scaduto, pare da un anno, è uno dei motivi che useranno le autorità per imbarcare la blogger sul primo aereo per l'Italia. Comizzoli dopo il fermo è stata trasferita al centro di detenzione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.