closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Arci, Chiavacci presidente, Miraglia numero due

Associazionismo. A due mesi dal congresso l’associazione ritrova l’unità. Castellina presidente onorario. I delegati si erano divisi sui due linee. Decisiva la rinuncia del responsabile immigrazione

A sinistra, Filippo Miraglia, a destra Francesca Chiavacci

A sinistra, Filippo Miraglia, a destra Francesca Chiavacci

Ritrovata l'abituale capacità di fare sintesi politica in un macrocosmo popolato da un milione e 150mila soci in quasi cinquemila circoli, l'Arci elegge Francesca Chiavacci alla guida della più grande associazione laica italiana. Ad affiancarla come vicepresidente, anche lui eletto a stragrande maggioranza, sarà Filippo Miraglia. Mentre Luciana Castellina diventa, per acclamazione, presidente onoraria. Si chiude così il sedicesimo congresso dell'associazione, a tre mesi dalle complicate giornate bolognesi di marzo, quando a palazzo Re Enzo i lavori furono congelati. Per evitare che il confronto fra i due candidati Chiavacci e Miraglia si trasformasse in uno scontro all'ultimo voto, in uno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi